Problemi con Firefox Quantum? Niente paura, c’è Firefox ESR.

Logo_firefox57_esrPiccolissima segnalazione che potrebbe risultare utile a qualcuno in questi giorni. Da poco è stato rilasciato ufficialmente Firefox 57 Quantum, disponibile da ieri anche nei repo ufficiali di Ubuntu e derivate.

Se molti utenti si dicono entusiasti della nuova veste grafica e delle prestazioni, altri lamentano alcuni problemi (ad esempio la non compatibilità con alcuni add-on). In questo caso si può utilizzare Firefox ESR, una versione con supporto esteso (la stessa utilizzata da Debian). Quest’ultima, attualmente alla versione 52, conserva la precedente veste grafica ed è compatibile con quasi tutte le estensioni funzionanti in Firefox 56.

Non è nei repositories ufficiali di Ubuntu ma si può installare:

  • dal sito ufficiale (scegliendo la versione Linux adatta per la propria lingua e architettura)
  • dai PPA dedicati (per Ubuntu 14.04 e 16.04)

Per la seconda opzione ecco i comandi da dare nel terminale per rimuovere la versione standard di Firefox e installare quella ESR:

sudo apt-get remove firefox
sudo add-apt-repository ppa:jonathonf/firefox-esr
sudo apt-get update
sudo apt-get install firefox-esr

Fatto!

Enjoy!

Annunci

Ubuntu 17.10: eseguire applicazioni come amministratore sotto Wayland

2000px-wayland_logo-svgUbuntu 17.10, versione ormai prossima al rilascio ufficiale, usa Wayland come sessione predefinita (ma è disponibile anche la sessione con Xorg). È stato segnalato un piccolo problema con le applicazioni grafiche che devono essere lanciate con i privilegi di amministrazione (con Sudo, Gksu o direttamente come Root). Infatti programmi come il Gestore Pacchetti Synaptic, Grub Customizer e Gparted, che chiedono la password all’avvio, non si aprono. Lanciandoli con gksu può essere notificato l’errore «Failed to run [nome-programma] as user root. Unable to copy the user’s Xauthorization file». Mentre lanciandoli con il terminale viene dato l’output: No protocol specified. Gtk-WARNING **: Cannot open display: :0.

Il problema potrebbe essere risolto a breve, ma nel frattempo è possibile adoperare un workaround temporaneo. Infatti è sufficiente aggiungere un comando in avvio automatico. Dopo aver cercato la relativa voce nel menu, premere il tasto «Aggiungi», poi creare una nuova voce con un nome e un commento a piacere, che abbia come comando:

xhost si:localuser:root

Riavviando il sistema, infine, il problema dovrebbe risolversi.

Enjoy!

via

Forum su Linux: come usarli

keepcalmtuxSembra che gli utenti Linux siano attualmente in crescita. O forse non è proprio così. Oppure si tratta di una diffusione lenta ma continua del sistema del Pinguino, chissà… Fatto sta che vedo sempre nuovi utenti iscriversi nei forum di supporto dedicati ai vari sistemi GNU/Linux per chiedere aiuto o consigli. Da un lato il “fanboy” che c’è in me è molto contento della cosa. Dall’altro lato riscontro sempre più spesso che una buona parte di questi nuovi utenti non ha la minima idea di come si usi un forum o un canale di supporto.

Se tu che stai leggendo frequenti regolarmente le comunità online dedicate a Linux, o più in generale all’informatica, puoi tranquillamente interrompere qui la lettura di questo articolo. Se al contrario sei capitato qui navigando su Internet, magari poco prima di iscriverti ad un forum su Linux in cerca di aiuto, ebbene questo articolo è stato scritto proprio per te. Si tratta di una mini-guida contenente alcune cose utili da sapere prima di scrivere in un forum dedicato a Linux.

Continua a leggere

apt vs apt-get: un po’ di chiarezza

apt_apt-getLo scorso anno una delle novità di Ubuntu 16.04 LTS è stata l’introduzione del comando apt. In realtà una versione precedente di apt è stata rilasciata nel 2014, ma ce ne siamo accorti tutti solo quando ci è stato detto di usare apt install nome-pacchetto al posto di apt-get install nome-pacchetto, modus operandi a cui eravamo abituati. Vi potreste chiedere qual è la differenza fra i comandi apt-get e apt. O anche: che necessità c’era di introdurre apt, visto che viene usato praticamente in modo identico (con le opzioni install, remove, update, upgrade ecc.)? apt è forse migliore di apt-get? Bisogna usare adesso apt, oppure possiamo continuare il buon vecchio apt-get?

Vediamo di affrontare la questione e di chiarire un po’ le cose.  Continua a leggere