Ubuntu e la fine del progetto Unity: cosa è certo finora

logo-ubuntu_cof-orange-hexÈ esattamente di una settimana fa l’annuncio di Mark Shuttleworth che con lo stupore di tutti ha dichiarato: «We will shift our default Ubuntu desktop back to GNOME for Ubuntu 18.04 LTS», ossia «Cambieremo il desktop di default di Ubuntu portandolo nuovamente a GNOME per Ubuntu 18.04 LTS». Come era ovvio, si è sollevato un grande clamore, molti sono stati i commenti a riguardo all’interno della comunità (in gran parte non positivi per la verità), è nato naturalmente un avvertibile senso di sconforto e sfiducia. In molti hanno iniziato ad avere dubbi sul da farsi fra un anno in previsione del passaggio (o meglio, del ritorno) di Ubuntu all’interfaccia grafica GNOME.

Ho deciso pertanto di fare un po’ il punto della situazione, provando fare chiarezza e a rispondere alle domande più frequenti di alcuni utenti, in particolar modo dell’utenza “media”, interessata principalmente all’uso del sistema e che seguono meno le vicende legate alle news provenienti dalla comunità e allo sviluppo del software. Continua a leggere

Annunci

Budgie Desktop prepara la migrazione a Qt

maxresdefault

Ieri Ikey Doherty, sviluppatore di Budgie e Solus Project, ha scritto un articolo sul blog del sito ufficiale del progetto in cui comunica i cambiamenti per la prossima versione Budgie 11. Questi cambiamenti non saranno di poco conto, in quanto il post ha sostanzialmente lo scopo di  comunicare la prossima migrazione a Qt. Continua a leggere

Fedora 21 rilasciata. Primissime impressioni.

Da ieri è disponibile al download Fedora 21. A seconda dell’esigenze dell’utente è possibile scaricarla in tre varianti: Workstation, Server e Cloud. Sono inoltre disponibili ben dodici spin, versioni alternative di Fedora con ambienti desktop differenti (Kde, Xfce, MATE e Lxde) oppure per usi specifici (studio, progettazione, calcolo scientifico, gaming ecc.).

Sono tante le novità della distribuzione nata da una costola di Red Hat. Innanzitutto sono presenti la versione 3.14 di GNOME, kernel Linux 3.17.4, Systemd 216, Mesa 10.3.3, il server Xorg 1.16.1. In alternativa a quest’ultimo è possibile accedere ad una sessione sperimentale con Wayland. Altra novità è il nuovo installer per il software. In Fedora si trovano già preinstallati tanti programmi open source. Continua a leggere