Kodi 17: guida post installazione completa e aggiornata

Le statistiche di questo blog dicono che l’articolo più cliccato di sempre (nonché quello più copiato da altri siti o blog, fatemelo dire 😀) è la guida postinstallazione di Kodi. Dato l’interesse per l’argomento, ho deciso di aggiornare l’articolo. Infatti dal 2015 ne è passata di acqua sotto i ponti: il team di Kodi ha rilasciato la versione  17.0 “Krypton”, che ha rivoluzionato l’aspetto grafico, nonché è in arrivo la versione 17.1, che andrà a correggere alcuni bug dell’attuale release stabile.

Come la precedente guida, anche questa nasce con l’intento di riassumere le principali operazioni da compiere al primo avvio per configurare al meglio il media center open source, evitando così di dimenticarsene qualcuna. L’articolo contiene indicazioni specifiche per gli utenti di lingua italiana, con attenzione particolare per quelli meno esperti.

Continua a leggere

OSMC: disponibile Kodi 17 Krypton e la skin rinnovata

8c2ff5471cb8ab2c6a727854b18aaf99af0c47b5_1_690x388In conseguenza del rilascio di Kodi 17 “Krypton“, di cui ho parlato nell’articolo precedente, riceve un aggiornamento importante pure OSMC. Per chi non conoscesse quest’ultimo, si tratta di un media center che utilizza Kodi su sistema Debian, compatibile con dispositivi come Raspberry Pi, Vero ed Apple TV. 

Il cambiamento più evidente è l’adozione di una versione rinnovata della precedente skin. L’aggiornamento  porta con sé anche tutte le nuove features e i bugfix presenti in Kodi 17 (comprese le nuove skin EstuaryEstouchy). Un elenco completo dei cambiamenti è presente in questa pagina. Continua a leggere

Rilasciato Kodi 17.0 “Krypton”

kodi171

È stato annunciato da poco il rilascio della nuova release di Kodi, la numero 17.0 “Krypton” per Windows, Android, MacOS, iOS e Linux. Oltre che miglioramenti e correzioni  di bug, vengono introdotte alcune novità, fra cui le attesissime interfacce EstuaryEstouchy (concepite rispettivamente per schermi TV e per dispositivi touch). Il changelog è disponibile in questa pagina. Continua a leggere

Gradio: l’app più stilosa per ascoltare la radio su Linux

gradio

Esistono poche applicazioni per ascoltare la radio su Linux, come ad esempio Radio Tray e Streamtuner (tanto per citare le due più utilizzate e disponibili nei repository ufficiali di Ubuntu). Recentemente però ho scoperto Gradio, che utilizza librerie GTK+ 3 e che permette di ascoltare le tante radio on line presenti sul sito radio-browser.info. Ha un’interfaccia grafica molto carina e facile da usare, che permette di cercare e ascoltare emittenti radiofoniche da tutto il mondo. Tutto ciò senza dover cercare URL da qualche parte su Internet, caricare file .pls.m3u, creare account ecc. La ricerca può inoltre essere filtrata per paese, lingua o tag. Da poco è stata rilasciata la versione 5.0 del programma, che introduce piccole modifiche e qualche nuova funzionalità (notifiche per le canzoni, riproduzione in background, la possibilità minimizzare la finestra come icona nel pannello ecc.).  Continua a leggere