Usare Krita senza installare dipendenze di KDE

2000px-krita_application_logo-svgKrita è un programma per disegno e photoediting. È un software libero distribuito con licenza GPL. Valida alternativa a software come Gimp o il proprietario Adobe Photoshop, fino alla versione 2.9 era parte della suite d’ufficio Calligra. Anche se Krita è diventato di fatto un progetto indipendente, si basa su librerie Qt e applicazioni di base dell’ambiente KDE. Solitamente ciò vuol dire che, provando a installarlo su ambienti grafici diversi da KDE, necessita di tanti pacchetti dipendenti. In questo articolo però vi spiegherò come poterlo usare su tutti gli ambienti grafici, senza doverlo neppure installare.  Continua a leggere

Annunci

Aggiungere emoji a colori con EmojiOne Picker su Ubuntu

d4jmwmtxQualcuno li odia, ma moltissimi ne vanno pazzi. Parliamo degli Emoji, che in tanti usano su pagine web, chat, email e vari servizi di messaggistica compresi i social network.

Ubuntu e derivate forniscono il supporto ad emoji in bianco e nero attraverso il pacchetto ttf-ancient-fonts. Uno sviluppatore ha realizzato EmojiOne Picker, un’interessante applet open-source per copiare e incollare facilmente emoji colorati su Ubuntu. In questo modo sarà facile utilizzare ben 845 simboli, riconosciuti dagli standard Unicode, come questi: 😀 👸 🎤 🕸 💻  Continua a leggere

Ubuntu: sistemare il tema grafico con l’utente root

Di sicuro saranno stati in molti a notarlo. Spesso su Ubuntu (o derivate) quando viene aperta un’applicazione in modalità grafica con l’utente root, il tema grafico risulta differente da quello impostato per l’account utente:

Schermata del 2015-09-25 09:45:10

È possibile che ciò accada con vari programmi, ad esempio con il file manager o con il Gestore Pacchetti Synaptic. Tuttavia è possibile uniformare il tema grafico per entrambi gli utenti in maniera molto semplice. Continua a leggere

Ubuntu: rimuovere player indesiderati dal soundmenu

Schermata del 2015-03-23 12:30:17 Un piccolo trucco per chi su Ubuntu (o una derivata) ha installato più di un programma per riprodurre musica e video.

In questi casi, infatti, cliccando sul tasto del volume (soundmenu) appare un menu a tendina con tutti i player multimediali che supportano l’integrazione con questo plugin del pannello. Molto comodo per lanciarli direttamente da lì o, se in esecuzione, per avere informazioni sul media o scorrere fra le tracce. Diversa la situazione se i programmi cominciano ad essere tanti (come nell’immagine a sinistra), quando il menu a tendina non fa altro che occupare spazio sul desktop ogni volta che si vuole regolare il volume del computer. Di seguito illustrerò come configurare il soundmenu in pochi semplici passaggi, rimuovendo i collegamenti ai player non desiderati. Continua a leggere