Rosetta: come “tradurre” i comandi di un gestore pacchetti in un altro.

Oggi vi posto una piccola “chicca” che ogni tanto potrebbe rivelarsi molto utile: una tabella di conversione  fra i principali gestori di pacchetti delle maggiori distro GNU/Linux. È uno strumento che ho scoperto di recente e che condivido qui poiché mi sono accorto che le poche pagine in italiano che ne parlano sono ormai obsolete o incomplete.

La tabella, presente in questa pagina del wiki di Arch, mette a confronto le varie funzioni disponibili con i diversi package manager. In pratica permette di “tradurre”  i comandi più comuni relativi alle operazioni sui pacchetti (installazione, rimozione, ricerca, aggiornamento ecc.). Non so voi ma io, che uso principalmente Debian o Ubuntu, quando sono alle prese con Fedora o Arch (e derivate) spesso e volentieri faccio fatica a ricordare a memoria i comandi da terminale per operare sui pacchetti. Continua a leggere

Annunci

apt vs apt-get: un po’ di chiarezza

apt_apt-getLo scorso anno una delle novità di Ubuntu 16.04 LTS è stata l’introduzione del comando apt. In realtà una versione precedente di apt è stata rilasciata nel 2014, ma ce ne siamo accorti tutti solo quando ci è stato detto di usare apt install nome-pacchetto al posto di apt-get install nome-pacchetto, modus operandi a cui eravamo abituati. Vi potreste chiedere qual è la differenza fra i comandi apt-get e apt. O anche: che necessità c’era di introdurre apt, visto che viene usato praticamente in modo identico (con le opzioni install, remove, update, upgrade ecc.)? apt è forse migliore di apt-get? Bisogna usare adesso apt, oppure possiamo continuare il buon vecchio apt-get?

Vediamo di affrontare la questione e di chiarire un po’ le cose.  Continua a leggere

In arrivo Debian 9 “Stretch”

debian_9È atteso per oggi il rilascio ufficiale di Debian 9 Stretch, nuova versione stabile della storica distribuzione GNU/Linux su cui sono basati tantissimi progetti derivati, fra cui la famosa Ubuntu.

Al momento sul sito ufficiale è ancora disponibile al download il file .iso della precedente versione Debian 8.8.8 Jessie, ma la nuova immagine sarà presente come di consueto nelle prossime ore (o al massimo giorni). Sono previsti alcuni eventi per l’occasione, fra cui lo Stretch Release Party organizzato per oggi dal GNU/LUG di Perugia.

Per aggiornare da Debian 8 a Debian 9 seguite le istruzioni di questa pagina. Per configurare una nuova installazione potete seguire questa guida per Debian 8 (ovviamente adottando alcuni piccoli accorgimenti: ad esempio in /etc/apt/sources.list va sostituito «jessie» con «stretch» in ogni stringa). Per le note di rilascio potete consultare questa pagina.

Enjoy!

AGGIORNAMENTO: Ora Debian 9 è scaricabile direttamente dall’homepage del sito di Debian. Nell’annuncio ufficiale, fra le varie cose, si legge che questa versione è dedicata a Ian Murdock, fondatore del progetto Debian morto prematuramente nel dicembre 2015.

 

 

Debian: come sostituire Wicd con Network Manager

2000px-wicd_client_logo-svg

Oggi una mini guida su una configurazione abbastanza facile, ma che può farvi perdere del tempo prezioso in ricerche su Internet se non sapete come effettuarla.

Wicd è un gestore di reti via cavo e wi-fi  per sistemi GNU/Linux. Talvolta lo si può trovare preinstallato al posto di NetworkManager, come vi potrebbe capitare se installate ad esempio Debian con l’ambiente desktop LXDE. Potrebbe però succedere che si preferisca gestire le reti con Network Manager, magari perché Wicd non funziona bene oppure semplicemente perché si è abituati all’altro strumento (che di solito si trova preinstallato nelle distribuzioni più comuni come Ubuntu, Mint, Fedora ecc.). Ecco come fare. Continua a leggere