DistroWatch: a cosa serve (e soprattutto a cosa non serve)

distrowatch720x340

Alzi la mano chi non ha mai visitato o consultato lo storico sito DistroWatch. Nel corso degli anni è diventato praticamente un’istituzione per gli appassionati di sistemi operativi liberi. Sempre aggiornatissimo, facile da consultare, permette di conoscere la quasi totalità dei sistemi GNU/Linux (ed altri), di scoprirne di nuovi, dai più diffusi a quelli più sconosciuti, dalle distro attive a quelle abbandonate “morte e sepolte”. Con i filtri di ricerca interni è possibile confrontarle, seguirne lo sviluppo e le novità compresi i nuovi rilasci, visualizzarne le caratteristiche, accedere a recensioni, link di download e molto altro.

Una delle funzioni più popolari è certamente la classifica delle distro (ne parleremo dopo!), visualizzabile direttamente dalla Home del sito. Spesso ho sentito diverse inesattezze riguardanti questa classifica. Passi pure che a fare confusione siano alcuni utenti di turno, quando dicono la loro su forum o sui social network. Ma a volte possono prendere delle vere e proprie cantonate anche altri soggetti – in teoria – più affidabili: è successo ad un famoso blog di tecnologia (fra i più visitati in Italia) con un articolo pubblicato il mese scorso, addirittura anche alla pagina italiana di Wikipedia (nella versione leggibile fino a pochi giorni fa). Direi che è giunto il momento di provare a fare un po’ di chiarezza. Continua a leggere

Annunci

LE DISTRO CHE NON TI ASPETTI Dieci fra le distribuzioni Linux più curiose e più improbabili

url

Quando ci si accosta al mondo Linux una delle cose che incuriosiscono maggiormente è la sterminata offerta di distribuzioni disponibili, oltre che il grande numero di loro derivate, flavour e remix. Tant’è che spesso la prima domanda che ci si pone è «Ora quale installo?». Ubuntu o Kubuntu? Debian o Fedora? openSUSE o Linux Mint?

Esistono anche alcune distribuzioni Gnu-Linux “tematiche”, con caratteristiche o programmi preinstallati dedicati  a specifiche esigenze e/o fasce d’utenza: con software educazionale, per la sicurezza informatica, per il gaming, con strumenti scientifici, per il multimedia, configurate per determinate aree geografiche, per bambini, con accesso universale per persone disabili ecc.

Continua a leggere