Rosetta: come “tradurre” i comandi di un gestore pacchetti in un altro.

Oggi vi posto una piccola “chicca” che ogni tanto potrebbe rivelarsi molto utile: una tabella di conversione  fra i principali gestori di pacchetti delle maggiori distro GNU/Linux. È uno strumento che ho scoperto di recente e che condivido qui poiché mi sono accorto che le poche pagine in italiano che ne parlano sono ormai obsolete o incomplete.

La tabella, presente in questa pagina del wiki di Arch, mette a confronto le varie funzioni disponibili con i diversi package manager. In pratica permette di “tradurre”  i comandi più comuni relativi alle operazioni sui pacchetti (installazione, rimozione, ricerca, aggiornamento ecc.). Non so voi ma io, che uso principalmente Debian o Ubuntu, quando sono alle prese con Fedora o Arch (e derivate) spesso e volentieri faccio fatica a ricordare a memoria i comandi da terminale per operare sui pacchetti. Continua a leggere

Annunci

Fedora 21 rilasciata. Primissime impressioni.

Da ieri è disponibile al download Fedora 21. A seconda dell’esigenze dell’utente è possibile scaricarla in tre varianti: Workstation, Server e Cloud. Sono inoltre disponibili ben dodici spin, versioni alternative di Fedora con ambienti desktop differenti (Kde, Xfce, MATE e Lxde) oppure per usi specifici (studio, progettazione, calcolo scientifico, gaming ecc.).

Sono tante le novità della distribuzione nata da una costola di Red Hat. Innanzitutto sono presenti la versione 3.14 di GNOME, kernel Linux 3.17.4, Systemd 216, Mesa 10.3.3, il server Xorg 1.16.1. In alternativa a quest’ultimo è possibile accedere ad una sessione sperimentale con Wayland. Altra novità è il nuovo installer per il software. In Fedora si trovano già preinstallati tanti programmi open source. Continua a leggere