Ubuntu 20.04 LTS Focal Fossa: guida completa post installazione

ubuntu-20-04-focal-headtitle

È previsto per oggi il rilascio ufficiale di Ubuntu 20.04 LTS Focal Fossa. Essendo una versione Long Term Support, sarà supportata per cinque anni (fino al 2025). Questa guida contiene alcuni consigli per renderla più completa e più comoda nell’uso quotidiano. È rivolta sia a chi si avvicina per la prima volta a Ubuntu, sia ai più esperti che hanno bisogno di consultare degli appunti rapidi per ottimizzare un’installazione “pulita” di Ubuntu 20.04.

È suddivisa in due parti: nella prima ci sono dei passaggi più o meno obbligati (aggiornamento del sistema, prime impostazioni ecc.); nella seconda suggerimenti di applicazioni per completare il parco software, più “trucchi” e configurazioni per rendere più agevole l’utilizzo di Ubuntu. In questa seconda parte siete liberissimi di seguire in tutto, in parte, o addirittura per nulla, le indicazioni contenute.

Continua a leggere

Alternative a Zoom per Linux

videochat-hacker

Con l’emergenza Covid-19 e la conseguente necessità di limitare incontri personali e spostamenti, si è fatto molto ricorso a pratiche come lo smartworking, videoconferenze, teledidattica, webinar ecc. In questo contesto la piattaforma per videoconferenze Zoom (installabile anche su computer GNU/Linux) ha avuto una vera e propria impennata del numero di utenti. Ciò ha però amplificato alcune criticità dovute da un lato a problemi di sicurezza e privacy presenti nella piattaforma (alcuni risolti), dall’altro agli stessi nuovi utenti, che si sono trovati impreparati nel gestire le molteplici configurazioni (portando spesso a situazioni poco piacevoli). Basterà fare una rapida ricerca su Google per sapere di cosa sto parlando.

In questo articolo elencherò una lista (breve ed incompleta) di programmi che possono essere usati come alternativa a Zoom su sistemi Linux, sia liberi/open-source sia proprietari, gratuiti oppure a pagamento. Continua a leggere

Ubuntu: disabilitare la sospensione alla chiusura dello schermo [mini-guida]

5340309206_e592a0c4c3_bOggi una mini-guida per disattivare in Ubuntu e derivate la sospensione del notebook alla chiusura dello schermo (detto anche sportello o coperchio).

La funzione che permette di far rimanere il computer acceso quando si abbassa lo schermo è integrata in Windows, ma potrebbe essere non presente nelle impostazioni di Ubuntu a seconda della versione o della derivata in uso.
Questa funzionalità può tornare utile in vari casi. Ad esempio se vogliamo utilizzare schermo, tastiera e mouse esterni, oppure se, ad esempio, a casa avete un gatto che ama passeggiare sulla tastiera 😀 e dovete assentarvi per un po’ mentre mentre è il sistema è in esecuzione. Continua a leggere

Krita ora disponibile via snap

starting-krita
Buone notizie per gli utenti Linux che utilizzano Krita come software di fotoritocco e digital painting. L’ultima release ufficiale, la 4.1.7, è finalmente installabile tramite snap.
Ciò comporta alcuni vantaggi. Infatti in precedenza per usufruire di Krita esistevano principalmente due metodi: tramite pacchetto presente nei repository oppure tramite .appimage. Il primo comporta di solito l’installazione di diverse dipendenze di kde (abbastanza scomodo se non era in uso questo desktop), il secondo non prevede l’aggiornamento automatico (rendendo necessario il download del pacchetto dal sito ufficiale ad ogni nuovo rilascio). I pacchetti snap, al contrario, integrano al loro interno tutte le librerie necessarie e godono di update automatici.

Per Ubuntu 18.04 e superiori Krita può essere installato facilmente da Ubuntu Software. Per non scaricare inavvertitamente la versione nei repository universe basta verificare che nel campo Dettagli alla voce Sorgente sia presente la dicitura Snap Store.

Altrimenti per andare sul sicuro basta usare il terminale. Soltanto se avete Ubuntu 16.04 installate prima le funzionalità snap:

sudo apt install snapd

Quindi installate Krita con il comando:

sudo snap install krita

Per rimuovere il programma digitate invece nel terminale:

sudo snap remove krita

Gli ultimi due comandi sono inoltre validi per le altre distribuzioni GNU/Linux (Debian, Fedora, Arch ecc.) dopo aver installato e abilitato snapd (consultate eventualmente i manuali della distro che utilizzate, se necessario).

Enjoy!